La zona di San Lorenzo e del Verano è una delle più ricche di Roma per attrazioni, locali e luoghi pubblici dove condividere qualche minuto o tutta la sera. Per questo ci piace soffermarci qui ancora per un articolo, per parlarvi di uno dei migliori posti dove poter appunto decidere di passare un minuto, o un giorno: il Monk Club.

La Storia

Il Monk, considerando l’eternità di Roma, un luogo molto giovane, nato dai resti di un altro storico locale romano, il Palma Club, luogo di culto del jazz internazionale. La zona era rimasta totalmente abbandonata, come purtroppo succede a Roma fin troppo spesso, e senza nessun intervento da parte di un’istituzione che poteva ricavarne uno spazio eccellente. Ma ci hanno pensato i ragazzi di Ausgang, creando un’atmosfera che nessun altro sarebbe riuscito a generare. Nati come un’organizzazione di eventi musicali, hanno pian pian sviluppato un team organizzato al punto da poter costruire, letteralmente, il Monk Club.

Cosa Succede al Monk

Non solo musica. Questo è uno dei punti fermi nell’organizzare eventi al Monk Club. Certo, c’è tanta, tantissima musica: negli anni alcuni dei più grandi interpreti contemporanei, italiani ed internazionali, hanno portato le loro parole e le loro note sui vari palchi del locale. Già, perché il Monk è enorme: oltre ad una sala concerti da centinaia di posti, la Locanda offre cibo e bevande, oltre ad un altro piccolo angolo dove oltre ai musicisti si esibiscono scrittori e performer. Ma la vera natura del Monk emerge in estate: un enorme parco esterno accoglie tavoli da ping pong, biliardini, un campo da basket regolamentare e tanti chioschi per bere e mangiare, oltre ad una terza postazione per djset e concerti. Potrete trovare anche un cinema all’aperto, dove ogni sera viene proiettato un fil diverso, compresi i migliori film di animazione per tutta la famiglia. Il tutto è completato da mercatini, incontri, rassegne editoriali grazie alla collaborazione con la casa editrice Minimum Fax.

Il Monk Club è questo e molto, molto altro: un luogo dove molto spesso si entra senza pagare un euro (basterà essere provvisti di tessera ARCI, valida su tutto il territorio italiano), dove ogni giorno si può trovare qualcosa che incontra i propri gusti. Che siano musicali, letterari o comunque artistici. Un posto speciale, da visitare.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *